Annunciato un nuovo State of Play per PS4 e PS5

Annunciato un nuovo State of Play per PS4 e PS5 1

A cura di Davide Vitanza

Alla mezzanotte di oggi, Sony ha annunciato tramite Twitter un nuovo State of Play dedicato ai giochi già annunciati o ancora da mostrare per PS4 e PS5. La presentazione verrà mostrata domani, giovedì 25 febbraio, alle ore 23:00 sul canale ufficiale di Sony.

Lo State of Play durerà 30 minuti circa e si concentrerà esclusivamente su 10 giochi in uscita, tra i quali alcuni completamente nuovi e altri, sia indie che third-party, già annunciati, lasciando dunque da parte il lato hardware.

Tra i maggiori indiziati vi sono sicuramente Ratchet & Clank: Rift Apart, di cui è stata di recente rivelata la data d’uscita, ossia l’11 giugno 2021, e Horizon II: Forbidden West, la cui uscita è prevista per quest’anno. Restano in dubbio, invece, giochi come God of War Ragnarok, di cui è stato mostrato solo un teaser durante lo showcase di settembre, e Gran Turismo 7, rimandato ufficialmente al 2022.

Per quanto riguarda i titoli non ancora annunciati, il più in voga è ovviamente Silent Hill, che prima di ogni evento torna a far parlare di sé anche grazie ai vari indizi lasciati da compositori e programmatori. Un altro annuncio potrebbe riguardare il nuovo giochi di Hideo Kojima, anche se qua si va quasi nella fantasia dato che ancora non vi è nulla di certo. Non resta che aspettare lo State of Play di domani per scoprire quali novità verranno mostrate.

State of Play

Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.