Star Wars Squadrons: un balzo indietro per Electronic Arts?

Star Wars Squadrons trailer wallpaper logo EA Motive

A cura di Luca Maiolini

Condividi

Mai come negli ultimi anni, i vari team di sviluppo e publisher, sono stati al centro di svariate polemiche, la maggior parte delle quali riguardanti le microtransazioni ed il loro utilizzo.

Electronic Arts, con Star Wars Squadrons, sembra che voglia cambiare le proprie carte in tavola.

Star Wars Squadrons, prezzo di lancio e… Assenza di microtransazioni?

Grazie ad un’intervista di Game Informer al direttore creativo di EA Motive, Ian Frazier, siamo venuti a conoscenza di importanti informazioni sul nuovo Star Wars.

“Our mindset has been very old school, we’re trying to say with this game that we have a $40 price point, we want to feel generous to players, and we want it to feel like a complete experience. Like ‘You gave us your $40. Here’s a game that you will love. Thank you.’ That’s it. This isn’t something we are building around a live-service strategy. It’s built around a game that is complete and great in its own right. That’s not to say we will never add anything, I guess we could, but it’s not presented as a live service”

Ian Frazier

In breve, Star Wars Squadrons sarà completo così come verrà rilasciato. Al prezzo di soli 39,99€ i giocatori si porteranno a casa un titolo completo, privo di microtransazioni (almeno per il lancio), sebbene non siano totalmente esclusi dei contenuti post-lancio.

Questa risposta può lasciar interdetti, sia perché si prospetta una strategia atipica guardandoci un attimo attorno, sia se ci soffermiamo a riflettere sui contenuti proposti da Star Wars Squadrons, non proprio numerosi a giudicare da quanto mostrato al EA Play 2020.

Star Wars Squadrons – EA Play 2020

Piccola riflessione personale

L’assenza di microtransazioni (ovviamente mi riferisco a quelle estetiche, simil quelle di Overwatch) ed il suo non essere un “live service”, non sono di per sé buone notizie.

Il motivo è semplice: si parla di un titolo multiplayer, che stando all’ultimo trailer pubblicato, non brillerà per contenuti.
I live service non sono Il Male come a molti piacere credere. I continui contenuti rilasciati nel lungo periodo, hanno fatto in modo che i videogiocatori rimanessero incollati ad un singolo gioco per diversi anni, ciò sta accadendo con Overtwatch e Rainbow Six Siege, usciti entrambi nel 2015.
Perfino Call of Duty Modern Warfare, di Activision, di cui ho criticato la gestione delle microtransazioni, oggi si sta rivelando un ottimo investimento nel lungo periodo, grazie alle continue aggiunte gratuite.

Electronic Arts potrebbe avere l’intenzione di far risorgere le classiche espansioni, che di base vanno a frammentare l’utenza.
Pensiero ben peggiore, EA potrebbe solleticare quella fetta di giocatori nostalgici, che preferivano ricomprare un gioco in una nuova edizione, piuttosto che comprare e scarica un contenuto nuovo.

In ogni caso, potrebbe rivelarsi un passo indietro estremamente importante, che potrebbe riflettersi in maniera negativa sul prossimo Battlefield previsto per il 2021.


Star Wars Squadrons uscirà il 2 Ottobre 2020 su PlayStation 4, Xbox One, Origin, Steam e Epic Games Store, supportando anche il cross-play tra tutte le piattaforme. Inoltre supporterà il VR sia su PC che su PlayStation 4.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

Condividi

Di Luca Maiolini

Gli FPS a stampo militare erano il mio pane quotidiano e gli RTS facevano da contorno, Brothers in Arms ed Imperivm erano il mio chiodo fisso. Poi, venne il giorno in cui abbracciai PlayStation 3 e mi collegai alla rete, così una valanga di videogiochi mi piombarono addosso! Ad oggi mi ritrovo a giocare un po' di tutto, dai titoli Platinumgames fino ai JRPG di casa Square Enix.