Resident evil, Il Segreto del Terrore

Resident Evil Fa Paura

A cura di Giuseppe Zetta

Condividi

In vista dell’uscita oggi sul mercato di Resident Evil 3 Remake,  in questo approfondimento tratterò solo le saghe numerate, escluderò gli spin off e tutti i titoli non numerati, per far comprendere le nozioni in modo semplice e conciso. Per la precisione prenderò in esempio Resident Evil , Resident Evil 2, Resident evil 3, Resident evil 4, Resident evil 5, Resident Evil 7 e i rispettivi Remake.

CURIOSITA’

Il vero terzo capitolo di Resident Evil doveva essere Resident Evil: Code Veronica. Secondo i piani iniziali di Capcom, infatti, RE3: Nemesis sarebbe dovuto essere uno spin-off di RE2 che avrebbe approfondito alcuni aspetti della trama, infatti dura molto di meno rispetto a RE2 ed ha meccaniche più action  e dinamiche a partire dall’arsenale;

RESIDENT EVIL 4 – 5- 6 Non Facevano paura scopriamo perché

Spero che saremo tutti concordi che i capitoli numerati più spaventosi del brand sono quasi tutti ad eccezione del 4-5-6, in questa lista vi mostrerò il perché questi titoli hanno appeal meno orrorifico dei precedenti, ve lo spiegherò per punti.
Il Segreto del successo dei capitoli sta tutto nel non detto, di lasciare molte cose vaghe, perché quando c’è una lacuna nella nostra conoscenza, una certa quantità di INCERTEZZA(l’aggettivo sul quale si basano i giochi survival horro ben fatti), è lì che l’orrore può davvero brillare e vivere di natura propria.

Resident Evil Storia

TRAMA

Il potere delle trame dei capitoli fino al 4, sta nel fatto che l’incipit è sempre slegato da quello che andremo a trovare, c’è una trama incerta nell’incipit in Resident evil precisamente nei primi due derivava dal fatto che ignoravamo in quale guaio ci stavamo andando a cacciare, partivamo da una villa normale per finire nei meandri di un centro di ricerca sotterranei(il primo). Era il nostro primo giorno di lavoro a Racoon city o andavamo alla ricerca del nostro fratello disperso (il Secondo), Oppure dovevamo andare ad indagare su cosa stesse accadendo in un villaggio, ma non eravamo certi su cosa (il quarto capitolo), La nostra fidanzata ci ha mandato un messaggio di aiuto e ci siamo fiondati per salvarla(il Settimo).
Al contrario nei capitoli 5 e 6 eravamo già a conoscenza dell’esistenza dei mostri e dovevamo solo compiere la missione come in un gioco militare, gli intrighi e i colpi di scena erano solo politici e non horrorifici, per quanto a colpo d’occhio i mostri sono i più spettacolari e ispirati della serie.

INVENTARIO

Resident Evil 7 Inventario

Qui non serva neanche che ve lo dica, nei capitolo dall’1 al 3 e nel 7, il quantitativo di piantine curative e le munizioni erano limitate, nonché la dimensione dell’inventario, costringendoci a fare delle scelte ,ma basate su questioni empiriche quindi incerte, perché non avremo mai un reale indizi che ci indichi la strategia migliore da adottare.Tutto l’opposto nei capitoli 5 e 6 e in parte del 4, perché li avevamo addirittura il venditore una che ti seguiva tutto il tempo per venderti la roba in caso ne rimanevi scarico, cosa nonsense, non comprare rendeva il gioco bloccante.

Resident evil, Il Segreto del Terrore 1

PUZZLE AMBIENTALI e BACKTRACKING

Questo forse era il fulcro di tutta la produzione, l’incertezza era ricreata dando al giocatore degli strumenti, ma senza spiegargli il suo uso, dando un senso d’incertezza perché non erano date spiegazioni riguardo il loro utilizzo o cosa fossero, ispeziona per esempio non era esplicitato quando predevi tali oggetti, quindi risolvere gli enigmi con questi oggetti sconosciuti senza alcuno scopo obbiettivo rendendo la tua avanzata incerta unito alle porte chiuse e al backtracking in aree infestate di zombie, avevano creato il mix letale di gameplay per farti percepire sempre il fiato sul collo.

RESIDENT EVIL GEMMA

HUD DELLA VITA

Questa è la Meccanica fulcro dell’orrore di Resident Evil dai più sottovalutata, come responsabile del senso di ansia , ovvero il sistema di salute a 3 stadi, con i quali non saprai mai davvero quanta vita ti rimane, ma ti dice vagamente che con verde stai bene, giallo stai male e rosso stai quasi per morire, ma non saprai mai davvero quanto di vita ti manca, se sopravviverai o no al prossimo morso, unita dalla bassa reperibilità dei sistemi di cura, dovuta alla meccanica precedentemente citata dell’inventario, ecco creata anche con questa altra meccanica, altro senso di ansia che si va a sommare a tutte le precedenti.

Resident Evil Hud Brutto
Resident Evil 3 Life Hud

TELECAMERA

La telecamera in quarta persona dei capitoli originali per Playstation, non ha mai creato veramente terrore insieme al sistema di comandi legnoso, ma solo frustrazione, la vera rivoluzione del terrore è stata La telecamera in terza persona over-the-shoulder (sopra le spalle, lett.), insieme ad altre innovazioni, ha rappresentato una rivoluzione non solo per il brand, ma per l’intera produzione videoludica di tendenza. Tra i videogiochi che hanno subito l’influenza del titolo Capcom vi sono Gears of War, Dead Space e Batman: Arkham Asylum.

Gears of War Telecamera


Per assurdo il capitolo 4 aveva inventato una nuova meccanica per aumentare ansia e tensione, ma aveva eliminato le altre, come il backtracking non più eccessivo e la vita ora segnalata con le tacche.
Rimaneva comunque un titolo in parte ansiogeno al pari di un Gears of War o Dead Space i quali alternavano divertimento a parti ansiogene, ma l’horror stava già morendo.

Resident Evil OVER THE SHOULDER


La meccanica FPS del Settimo capitolo di Resident Evil unita al PSVR non vi sto a spiegare perché ha fatto paura ai più

Resident Evil 7 VR

Conclusione

In visione di ciò queste caratteristiche, non vi serva che vi dica che Resident Evil 5 ha sbagliato su tutti i fronti, scegliendo di proposito di diventare un TPS Generico, chissà se non lo abbia fatto per cavalcare l’onda del successo dell’esclusiva Microsoft Gears Of War e degli altri titoli action di successo di quel periodo, primo fra tutti Uncharted. Fatto sta che per anni Resident Evil 5 è stato il capitolo più venduto della saga insieme al sesto altro capitolo che aboliva buona parte delle caratteristiche survival horror presenti in questa lista.

Di seguito il mio video che si focalizza sui punti più salienti dell’argomentazioni portate in questo articolo, Buona Visione.

PER ALTRI APPROFONDIMENTI

Condividi

Di Giuseppe Zetta

Il mio pseudonimo è Giuseppe Zetta aka Zell Ho la passione per l’informatica, nata all’età di 6 anni, quando ho avuto a che fare per la prima volta con un Commodore64, appassionato di Intelligenza Artificiale, Sviluppo di Videogiochi e Tecnologie OpenSource. Porto avanti progetti informatici personali con i miei amici di vecchia data, ed ho svariate passioni che variano dall’arte del DJ al video editing passando fino alla produzione musicale.