Il progetto fan-made Prime 2D è stato bloccato

Il progetto fan-made Prime 2D è stato bloccato 1

A cura di Davide Vitanza

Condividi

Nei mesi scorsi vi abbiamo segnalato l’esistenza di una demo giocabile basato sul Metroid Prime dal titolo Prime 2D, sviluppato dal Team SCU. All’interno di un nostro provato, abbiamo osservato come i dettagli e la cura del mondo di gioco presente nella demo fosse a livelli altissimi, tanto da sembrare un titolo ufficiale in 2D e non qualcosa creato dai fan.

Come però ci aspettavamo, e abbiamo infatti ammesso alla fine di quell’articolo, l’idea che il gioco potesse raggiungere uno stadio finale di sviluppo non ci ha mai raggiunti, in quanto Nintendo, che da sempre lotta contro siti di rom illegali o titoli fan-made sulle proprie serie, cerca sempre di bloccare questi progetti sul nascere. Nella giornata del 26 agosto, purtroppo, ciò è avvenuto anche a Prime 2D.

Nel loro sito ufficiale, così come nel canale Discord e nel subreddit ufficiale, si è resa nota la notizia che “per ragioni legali, i download della demo e delle soundtrack MP3 sono stati rimossi“. Oltre al gioco in sé, dunque, anche le musiche originali create dal team sono state rimosse, probabilmente perché avevano come titolo Prime 2D. Nonostante il progetto avesse 15 anni di lavoro alle spalle, è dunque finita come era prevedibile, ma rimaniamo con la speranza che il Team SCU riesca a sviluppare un proprio gioco indie senza che Nintendo o qualcun altro possa fare nulla, dato che la qualità della demo ormai rimossa era molto alta.

Prime 2D

Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi
Leggi Anche:   Super Smash Bros. Ultimate: nuovo direct dedicato a Pyra/Mythra

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.