Modern Warfare: il Narrative ed il Director Designer lasciano Infinity Ward

Call of Duty Modern Warfare

A cura di Luca Maiolini

Condividi

Tempo fa, qui su Q-Gin, non ho mancato di trattare — a modo mio — Call of Duty: Modern Warfare (2019). Titolo che, a mio dire, ha risollevato il brand grazie al suo nuovo motore grafico ed alle migliorie implementate dal gun play fino ad arrivare alla campagna in giocatore singolo, la quale ricalcava — almeno in parte — il modus operandi dei primi due Modern Warfare curati da Vince Zampella & Co..

Quest’oggi torniamo a parlare di Modern Warfare e dello studio Infinity Ward a causa dell’abbandono da parte di Taylor Kurosaki, Narrative Designer, e Jacob Minkoff, Director Designer. I due, proveniente da Naughty Dog, lo hanno annunciato in contemporanea su Twitter, affermando che prossimamente divulgheranno maggiori informazioni sui loro piani futuri.

“Un’opinione un po’ preoccupata” sul prossimo Modern Warfare e sulla serie in generale

Sarò onesto. Dato il lavoro svolto nei confronti di Call of Duty: Modern Warfare, non posso non essere preoccupato nei confronti del sequel — sempre se ci sarà — data la loro assenza.
Il brand torna su quell’incertezza dove si trovava fino a poco tempo fa, con una Treyarch poco convincente dopo i successi coi suoi primi due Black Ops ed una Sledgehammer Games, apparentemente, problematica. Il tutto mentre Warzone, gestito dallo studio Raven Software, è strabordante di problemi tra bug, glitch e cheater.

In pratica Call of Duty potrebbe ripiombare nella sua anarchia, tra alti e bassi, con capitolo ben poco convincenti e senza uno studio in grado di trascinare gli altri.

Nel frattempo, non ci resta da far altro che aspettare e vedere cosa ci riserverà il futuro e, con molte probabilità, non ci sarà tanto da attendere visto che durante gli eventi estivi potrebbe essere annunciato/mostrato il nuovo capitolo prodotto da Sledgehammer Games.

Timmy Sanchez lavora presso Sledgehammer Games come Environment Artist

Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Luca Maiolini

Gli FPS a stampo militare erano il mio pane quotidiano e gli RTS facevano da contorno, Brothers in Arms ed Imperivm erano il mio chiodo fisso. Poi, venne il giorno in cui abbracciai PlayStation 3 e mi collegai alla rete, così una valanga di videogiochi mi piombarono addosso! Ad oggi mi ritrovo a giocare un po' di tutto, dai titoli Platinumgames fino ai JRPG di casa Square Enix.