Deltarune Chapter 2 – Annunciata la data d’uscita

Deltarune Chapter 2 - Annunciata la data d'uscita 1

A cura di Davide Vitanza

Condividi

Grazie a un tweet pubblicato sul suo profilo ufficiale, Toby Fox ha comunicato la data d’uscita di Deltarune Chapter 2, secondo capitolo del nuovo progetto dal creatore di Undertale.

Il primo capitolo di questo nuovo gioco è uscito quasi 3 anni fa, esattamente il 31 ottobre 2018, sotto forma di demo gratuita dalla durata di qualche ora, molto meno rispetto ad Undertale (che comunque ha una durata per run di circa 6 ore). L’annuncio prevede l’uscita di Deltarune Chapter 2 per domani 17 settembre alle ore 20:00 con il fuso orario, mentre in Italia sarà disponibile alle 2:00 del mattino del 18 settembre. Il gioco sarà disponibile solo su PC (almeno per il momento) e non si sa se sarà gratuito o a pagamento.

Nel sito ufficiale del gioco, Toby Fox ha risposto ad alcune domande, affermando che i salvataggi dal primo al secondo capitolo possono essere passati dal momento che alla conclusione della run della demo si vengono a creare dei file di salvataggio. Nonostante ciò, il Capitolo 2 può essere giocato anche senza quei salvataggi, poiché basta conoscere gli eventi del primo per apprezzare la storia. L’ultima domanda riguarda il futuro della serie, con Toby Fox che afferma che ci saranno altri capitoli oltre il secondo, e che quindi Deltarune continuerà a vivere per altri anni ancora.

Deltarune

Deltarune – La storia del Capitolo 1

Deltarune inizia in un mondo molto simile a quello di Undertale, tanto da sembrare seguito diretto della true pacifist run, in cui i mostri sono andati a vivere in superficie. In realtà questa è una mera supposizione dei fan, mentre ufficiale è il fatto che il mondo di gioco sia ambientato in un universo parallelo a quello di Undertale. Protagonista del gioco è Kris (con sesso non specificato), uno studente umano in una scuola di mostri che, quando viene preso di mira dalla bulla Susie, finisce con lei in un mondo fantastico, il Dark World.

All’inizio dell’esplorazione i due faranno la conoscenza di Ralsei, che rivela loro di essere gli eroi della Profezia, capaci di riequilibrare la luce con l’oscurità. Nel corso della loro avventura nel Dark World, i tre fanno la conoscenza di altri personaggi, tra cui Lancer, che si rivela essere figlio del Re. Dopo essere giunti al castello e aver affrontato il sovrano, Kris e Susie riescono a tornare nel mondo reale ripromettendosi di andare nel Dark World ancora una volta il giorno dopo.

A questo punto è possibile esplorare la città del mondo reale, chiamata Hometown, in cui è possibile incontrare tanti personaggi di Undertale e scoprire la loro storia in Deltarune. Dopo essere tornato a casa, Kris incontra anche Toriel, sua madre, e decide infine di andare a dormire per far terminare la giornata e la demo. Ma prima dei titoli di coda parte una cut scene che ha fomentato l’intera fan base, i quali hanno cercato di trovare infiniti collegamenti proprio con Undertale.

Deltarune

Il gioco si conclude così, in attesa di poter provare il secondo capitolo e scoprire cosa è successo al termine della prima giornata. Non sappiamo se il Capitolo 2 inizierà dove si è concluso il primo, né se i protagonisti saranno gli stessi. Il fatto che Kris e Susie si siano ripromessi di tornare nel Dark World potrebbe essere un indizio sul prosieguo dell’avventura, così come anche il fatto che alcune missioni secondarie debbano essere continuate esclusivamente il secondo giorno, impossibile quindi da essere completate nel Capitolo 1.

Mancano poco meno di 48 ore alla pubblicazione del secondo capitolo, in cui presumibilmente scopriremo tantissime cose. Rimanete dunque aggiornati e continuate a seguirci per scoprire cosa ci riserverà la nuova esperienza in Deltarune e quali siano i progetti di Toby Fox per questo meraviglioso mondo che ha creato.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.