Blockchain L’ex CEO di Nintendo of America Reggie Fils-Aimé è ottimista per la tecnologia

Nintendo Blockchain
Condividi

L’ex CEO di Nintendo of America Reggie Fils-Aimé al festival SXSW del mese scorso ha parlato di Blockchain e del suo interesse per tale tecnologia affinché venga impletata in sempre più videogiochi .

Come Spiegato da Nintendo Life Fils-Aimé ha risposto a una domanda di Emily Chang di Bloomberg sulla tecnologia blockchain, la criptovaluta e il “play-to-earn” dicendo che è “entusiasta” della tecnologia e che vede un mondo in cui i giocatori possono vendere beni virtuali quando hanno finito con il gioco.

Fils-Aimé ha usato la frase “play-to-own”, in quella che potrebbe essere un po’ di gestione delle aspettative su ciò per cui dovrebbe essere utilizzata la tecnologia blockchain.

Blockchain in Animal Crossing per l’Ex CEO NINTENDO

Animal Crossing Nintendo Blockchain

Il suo esempio era che se la tecnologia blockchain fosse stata integrata in un gioco come Animal Crossing, un giocatore che avesse investito 300 ore nella creazione di una bellissima isola sarebbe stato in grado di vendere quell’isola a un altro giocatore una volta terminato il gioco.

Ci sono alcuni giochi in cui ho investito più di 300 ore. E quando sono pronto per passare al prossimo gioco per abbandonarlo definitivamente, non sarebbe fantastico monetizzare ciò che ho costruito in tutto quel tempo trascorso?

Reggie Fils-Aimé durante Il festival SXSW

Ovviamente ha specificato che il suo ottimismo deriva dal fatto che tale tecnologia deve essere “dalla parte del giocatore” nella speranza che gli sviluppatori non la usino per monetizzare i loro prodotti.

Effettivamente non ha parlato dei problemi attuali della tecnologia, per la quale rischia di fallire, ovvero le pletore di truffe in atto, diventate tristemente sinonimo della scena.

Leggi Anche:   Ubisoft aiuta a tenerci occupati gratuitamente
Blockchain L'ex CEO di Nintendo of America Reggie Fils-Aimé è ottimista per la tecnologia 1
Squid Game Token la nota truffa Rug Pull

I leader del settore di diversa estrazione sembrano guardare alla prospettiva dei mercati dell’usato per i beni digitali con maggiore entusiasmo.

C’è chi paragona tale mercato al fenomeno del gioco di carte dei Pokemon, chi hai giochi da tavole e singole componenti che possono essere rivendute una volta che non vengono più usate.

Di tutti questi ad oggi solo in pochi hanno previsto lo scopo di lucro ovvero poter guadagnare soldi reali da bonificare sui propri conti corrente, stile come avveniva in SecondLife o avviene tutt’oggi in Roblox.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi
Attiva le notifiche per rimanere sempre aggiornato    OK No thanks