Metroid Dread – Disponibile la demo gratuita

Metroid Dread - Disponibile la demo gratuita 1

A cura di Davide Vitanza

Condividi

Nintendo, per l’arrivo imminente di Halloween, ha da poco pubblicato a sorpresa una demo gratuita di Metroid Dread, il nuovo capitolo della serie uscito lo scorso 8 ottobre che ha ottenuto una grande approvazione sia dal pubblico che dalla stampa internazionale. Anche noi siamo rimasti entusiasti del gioco, come si può evincere dalla nostra recensione, e la disponibilità di una demo sull’eShop permetterà a molti altri di provare questo titolo.

Metroid

Da Metroid Fusion a Metroid Dread

Come raccontato in un nostro articolo di riepilogo, Metroid Dread è il seguito diretto di Metroid Fusion, continuando dunque la storia dalla distruzione del pianeta SR-388. Samus, Cacciatrice di taglie e protagonista della serie, intercetta una chiamata d’aiuto dal pianeta ZDR in cui è stata rilevata la presenza di Parassiti X, le stesse creature che si credevano eliminate dopo Fusion.

Essendo l’unica a poter resistere a queste creature grazie al suo DNA Metroid, Samus decide di dirigersi sul pianeta. Nel mentre, anche la Federazione Galattica ha deciso di intervenire inviando sette unità E.M.M.I. sul pianeta. Per qualche motivo, tuttavia, queste macchine hanno smesso di inviare informazioni alla Federazione facendo perdere le proprie tracce. Una volta giunta sul pianeta, Samus dovrà vedersela proprio con gli E.M.M.I., i quali identificano la Cacciatrice come una minaccia. Riuscirà Samus a sopravvivere su ZDR e a eliminare definitivamente gli X? Lasciamo a voi il piacere di scoprirlo!


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi
Leggi Anche:   Il nuovo Metroid Prime... ma è un demake in 2D

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.