Kirby e la terra perduta: una nuova graziosa avventura 3D – Mini Recensione

Kirby
Condividi

Il nuovo Kirby e la terra perduta, sviluppato da HAL Laboratory, potrebbe essere un punto di partenza per la serie 3D, dove sarà possibile esplorare mondi e divertirsi come si faceva una volta.

Si parte!

Il gioco inizia con Kirby che passeggia allegro su un stradina per venire poi raggiunto dalla sua stellina volante e visto che è una bella giornata decide di farsi un giro nei cieli limpidi del pianeta Pop. All’improvviso, il cielo si rabbuia e una tempesta investe Kirby e i suoi amici con una forza mai vista risucchiandoli al suo interno. La piccola pallina si risveglia su una spiaggia in un luogo nuovo e sconosciuto e qui, ha inizio la sua, e nostra, avventura.

Gameplay

Siamo davanti al primo titolo 3D della saga e infatti per la prima volta Kirby potrà muoversi liberamente in tutte le direzioni e questa è una novità, però avremo comunque la telecamera fissa. Kirby avrà come da sempre, il potere di risucchiare i nemici e far sue le loro abilità, ma tra le novità c’è un’abilità unica: la Boccomorfosi. Questa abilità speciale permette alla piccola pallina rosa di assimilare oggetti inanimati di ogni tipo e dimensione e usarli a suo vantaggio perché oltre a prenderne la forma, ne acquisirà tutte le caratteristiche e questo ci aiuterà nel corso della nostra avventura, che sia sconfiggere nemici più ostici o semplicemente proseguire nei livelli di gioco.

Il gioco presenta due livelli di difficoltà: Brezza, per godersi al meglio il gioco senza troppo impegno; Tempesta, per poter avere un livello di sfida nella media ma che nonostante questo in alcuni punti mi ha dato filo da torcere, ovviamente non è difficile terminalo e se si ha voglia di completarlo al 100% trovando tutti i collezionabili e scoprirne i segreti, ci vorranno 10/15 ore circa.

Leggi Anche:   Days Gone - recensione dell'esclusiva PlayStation 4

Questo capitolo è provvisto anche della modalità cooperativa a schermo condiviso. Ognuno dei giocatori manovrerà un personaggio e si potrà giocare insieme, affrontare battaglie, esplorare ma il tutto senza i poteri caratteristici dei personaggi da noi usati.

La citta dei Waddle Dee

Uno degli scopi del gioco è liberare i nostri amici, i Waddle Dee. Queste simpatiche creature una volta che verranno liberate, andranno a popolare una graziosa città che per l’appunto si chiama “Città del Waddle Dee”. In questo luogo dopo ogni amico salvato, verranno aggiunte nuove costruzioni come per esempio, l’armeria o il negozio dove acquistare cure e vari oggetti utili e ci sarà anche una zona in cui poter rivedere le cutscene a nostro piacimento.

Vorrei soffermarmi sull’armeria che sarà molto utile visto che, in essa saranno disponibili tutte le abilità che avremo scoperto durante la nostra avventura e potremo inoltre potenziarle grazie a delle pergamene che troveremo nei vari livelli. Ovviamente non è a titolo gratuito ma richiederà monete di gioco e Pietre Rare che saranno recuperabili in mini livelli extra dove, affrontando missioni speciali in un tempo limite, verremo premiati, il tutto ovviamente in singolo.

Grafica e sonoro

Kirby e la terra perduta è un titolo graficamente gradevole, pieno di colori e ho apprezzato lo svecchiamento che HAL Laboratory ha apportato su questa amata mascotte Nintendo, ogni dettaglio, dal paesaggio ai piccoli abitanti di questo mondo è creato con cura, la qualità dei modelli di gioco mi ha ricordato molto Super Mario Odyssey. Unica pecca sono i cali di frame rate, sporadici, non troppo fastidiosi ma presenti.

Per quanto riguarda il comparto sonoro, c’è stato un ritorno di molti dei temi classici della saga, ma ne sono stati introdotti anche di nuovi che passano dalla musica di fondo anonima a quella più “ipnotizzante” che ti resta in testa, una di quelle che ho apprezzato molto si può ascoltare all’inizio della nostra avventura. Piccola chicca sul finale, che ho gradito particolarmente, il breve seppure presente doppiaggio italiano.

Leggi Anche:   Monster Hunter Rise: tutte le novità del Monster Hunter Digital Event di Gennaio 2021

Pensiero finale

Finalmente vediamo un Kirby tutto nuovo, con un comparto grafico 3D, molto colorato e curato nei dettagli. Con un gameplay ricco di novità grazie all’abilità della Boccomorfosi che aggiunge qualcosa in più alle solite meccaniche di gioco. Nonostante sia una avventura non molto lunga per i canoni di oggi, non è mai noiosa o ridondante, un piccolo gioiellino made in Nintendo.

Consigliato

Pregi

  • Comparto grafico in 3D
  • Ottimo Level design
  • Boccomorfosi

Difetti

  • Boss ripetuti
  • Piccoli cali di frame, soprattutto in multiplayer

Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

Condividi
Attiva le notifiche per rimanere sempre aggiornato    OK No thanks