Pokémon Presents del 26 febbraio – Tutti gli annunci

Pokémon Presents del 26 febbraio - Tutti gli annunci 1

A cura di Davide Vitanza

Condividi

Si è da poco concluso il Pokémon Presents, evento di The Pokémon Company trasmesso sul canale ufficiale, durante il quale sono stati mostrati nuovi giochi della serie. Il Presents si apre con un emozionante video per celebrare i 25 anni della serie, che a oggi conta numerosi prodotti, dai giochi a fumetti a vestiti e peluche. Ecco di seguito tutti gli annunci.

New Pokémon Snap

Il primo gioco mostrato durante l’evento è stato New Pokémon Snap. Nel gioco dovremo viaggiare a bordo del Neo-Uno per esplorare la regione di Lentil e scattare foto ai Pokémon selvatici. Sarà il professor Speculux, insieme ai suoi assistenti Rita e Fil a incaricarti della missione. Il gioco uscirà il 30 aprile per Switch, mentre i preordini sono aperti da ora.

Ricompense sui giochi Pokémon

Sono state mostrate delle ricompense per alcuni dei giochi del franchise. Tra questi vi sono: il raid a Pikachu Gigamax su Spada e Scudo; 2500 ghiande dorate eseguendo l’accesso su Café Mix; un evento celebrativo a tema Kanto in corso su Pokémon Go fino al 27 febbraio in cui sarà possibile catturare Articuno, Zapdos, Moltres e Mewtwo; Dandel e il suo Charizard si uniscono a Master EX

Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente

Sono stati mostrati finalmente i tanti attesi remake di Diamante e Perla, che prendono i nomi di Lucente e Splendente. Il gioco è sviluppato da Game Freak e ILCA, che ha reinventato lo stile del gioco classico con una nuova veste chibi, proprio per questo sembra più una remastered che un remake in senso stretto. I due nuovi giochi faranno il loro debutto in tutto il mondo, ovviamente in esclusiva Switch, alla fine del 2021.

Leggende Pokémon: Arceus

La vera sorpresa del Presents è stato sicuramente Leggende Pokémon: Arceus. Il gioco sembra esser un open world RPG ambientato nel passato nella regione di Sinnoh. Qui i mostri tascabili vivono in armonia con i pochi umani presenti, e sarà un professore proveniente da lontano a portare con sé nuove creature che costituiranno gli starter, ossia Cyndaquil, Oshawot e Rowlet. La storia girerà intorno al creatore di tutti Pokémon, ossia Arceus, introdotto proprio in questa quarta generazione. L’uscita del gioco è prevista per l’inizio del 2022.


Pokémon Presents – Conclusioni

Alla fine della fiera, questo evento ci ha mostrato tutto ciò che ci aspettavamo, e anche di più. Finalmente si ha una data per Snap, che sicuramente farà felici i più nostalgici e soprattutto quelli che avevano apprezzato il primo capitolo uscito nel 1999 su Nintendo 64. Dopo i vari aggiornamenti sugli altri giochi, si passa finalmente ai giochi più attesi, ossia i remake di Diamante e Perla. Tuttavia, essi sono stati mostrati con uno stile molto diverso da quello a cui eravamo abituati e che possono non piacere a tutti. La bomba vera e propria è invece il gioco che nessuno si aspettava.

Leggende Pokémon: Arceus è ciò che qualunque fan della serie ha sempre aspettato. Per ora le informazioni a riguardo sono poche, se non quelle riguardanti il setting. Nonostante ciò il titolo sembra essere molto promettente, anche se dal lato tecnico sembra essere un po’ scarso, dati i cali di frame piuttosto frequenti. Rimaniamo comunque in attesa di questo nuovo approccio alla serie, che potrebbe rivoluzionare l’intero concetto di gioco Pokémon. Un’altra nota molto importante è il fatto che il gioco potrebbe far parte di una nuova serie a se stante, ossia “Leggende”, in cui Arceus è il primo protagonista. Chissà che magari non vengano approfonditi anche altre creature dimenticate nel tempo o poco approfondite, come Zygarde.

Pokémon

Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.