La RG351P: una piccola console, dalle grandi potenzialità

RG351P

A cura di Lir90

Condividi

Salve a tutti ragazzi, oggi andremo a parlare di una piccola console di nome RG351P prodotta dalla Anbernic, console che mi ha stupito sotto molti aspetti e sotto altri mi aspettavo di meglio.

Come si presenta la nostra RG351P

Quello che ci troveremo davanti è una scatola bianca abbastanza anonima, dove vi è disegnata la console stessa. All’interno della quale troveremo la RG351P (molto robusta e facile da tenere in mano), un cavo usb type-c, un piccolo vetrino vetrino per proteggere lo schermo e una chiavetta wifi che sarà applicabile alla console.

Il modello da me ordinato è la versione 64GB, che include di default diversi emulatori e giochi (ricordiamo che si devono possedere le copie originali per non incappare nell’illegalità).
La console sembra esser molto resistente e i tasti molto reattivi, soprattutto, cosa non da poco, è dotata dei due classici analogici L3 e R3 e dei tasti direzionali con un perno al centro, in modo da non schiacciarli tutti insieme involontariamente durante una sessione molto faticosa, ma ora passiamo agli emulatori.

La RG351P sfrutta una distro Linux personalizzata, ovvero la Opendingux che fu creata con l’intenzione di facilitare al meglio i porting di vari software. Gli sviluppatori più famosi di questa particolare distribuzione sono Ignacio Garcia Perez (booboo), che creò il primo Dingux kernel, e Lars-Peter Clausen (larsc), che si è occupato della scrittura dei driver per una piattaforma similare — in riferimento all’hardware.

Emulazione

Per quanto riguarda l’emulazione 8 e 16bit non ci sono assolutamente problemi, il tutto risulta molto fluido, tanto da dare l’impressione di giocare sulla console originale, stessa cosa per i titoli Neo Geo e cabinati, anch’essi sono perfettamente emulati (non mi è sembrato di veder nessun calo di framerate), ma soprattutto, la sorpresa maggiore, è stata quella di trovare un emulatore per Nintendo DS, stranamente funzionante e giocabile senza problemi.

Gli emulatori delle console 32bit di casa Sony e la 64bit di casa Nintendo, sono entrambi ottimi sotto ogni punto di vista e mai mi sarei aspettato da quello per Nintendo 64 una performance del genere, forse è la versione migliore sul mercato per queste console sotto i 100€.

In ultimo, ma non meno importante, passiamo al Dreamcast e PSP. Soprattutto per la piccola di casa Sony, non so se dovuto alla parte Hardware o software (spero software in modo che possa migliorare in futuro), ma entrambi presentano glitch e rallentamenti, con distorsioni relative alla musica. Logicamente il tutto è giocabile, ma abbastanza fastidioso in molti casi.

La RG351P: una piccola console, dalle grandi potenzialità 2

Considerazioni finali

La console RG351P della Anbernic è un piccolo miracolo che merita di essere provato almeno una volta, soprattutto per il suo prezzo irrisorio. Quindi, se ne avete la possibilità, vi consiglio l’acquisto, per ore e ore di puro divertimento dove potrete rigiocare vecchi titoli, come sta facendo il sottoscritto con Tombi su PSX.

Un saluto e alla prossima da Lir90.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

Condividi

Di Lir90

Il mio nome Lir, nasce dall'unione di tre manga giapponesi, Lamù, Inuyasha e Ranma.Sono un grande appassionato del mondo videoludico e collezionista di console, infatti fino ad ora sono riuscito a recuperarne ben trentaquattro. Purtroppo la lingua inglese non è il mio forte, ma amo scovare titoli poco conosciuti in Europa per poterli giocare.