Chi è Re Alfredo il grande in Assassin’s Creed Valhalla ?

Re Alfredo Il Grande

A cura di Giuseppe Zetta

Condividi

Alfredo era il più giovane dei cinque figli nati dal re Aethelwulf di Wessex, egli subentrò come monarca nell’871 in seguito ai suoi fratelli maggiori. Dopo aver preso il trono di Wessex, Re Alfredo continuò l’eredità della sua famiglia e del suo paese di combattere gli invasori danesi della Danimarca.

Le sue tattiche di guerriglia  consistevano nell’uso di blocchi, forze mobili in rapido movimento, contrattacchi e in alcuni casi semplicemente pagare i Vichinghi per andarsene quando il suo piano falliva.

Re Alfredo Reale

Dei quattro regni, il dominio di Re Alfredo si rivelò il più capace. A questo punto, i regni di Mercia e Anglia orientale avevano visto i loro re torturati o uccisi e contemporaneamente insediamenti vichinghi iniziarono ad apparire nelle sezioni meridionali della Northumbria.

Wessex, d’altra parte, ha continuato a resistere alla crescente minaccia e ha iniziato a vedere grandi vittorie tra cui la Battaglia di Edington.

Assassin’s Creed Valhalla Re Alfredo

In seguito a questa decisiva vittoria, fu firmato un trattato che creò i confini dei regni inglesi e del territorio vichingo di Danelaw.

I trattati prevedevano anche relazioni pacifiche tra le due parti, sebbene di tanto in tanto scoppiassero battaglie e conflitti. Un altro evento importante che si verificò dal trattato è la conversione del re danese Guthrum al cristianesimo dalla credenza della sua cultura nel pantheon nordico degli dei.

Alla fine, Re Alfredo e i suoi discendenti  avrebbero ripreso la città di York dai Vichinghi e, alla fine, le sue azioni hanno contribuito a gettare le basi per quello che alla fine sarebbe diventato il paese dell’Inghilterra.

Re Alfredo Vs Vichinghi

Al di fuori del suo lavoro, respingendo i Vichinghi dalla sua terra, Re Alfredo era in gran parte considerato colto e misericordioso. In effetti, durante il suo governo riformò il sistema legale, la struttura militare e cambiò l’educazione dall’insegnamento in latino ad anglosassone.

Re Alfredo morì all’età di 50 o 51 anni, anche se il modo in cui ciò accadde rimane un mistero per gli storici. È possibile che il grande re sia morto a causa di una battaglia per tutta la vita con una malattia, molti sospetti erano una forma della malattia di Crohn.

Indipendentemente da ciò, per tutti questi importanti cambiamenti che Re Alfredo fu in grado di apportare durante il suo regno, gli fu dato il titolo di “Il Grande” in seguito alla riforma del XVI secolo in Inghilterra. È interessante notare che Re Alfredo rimane l’unico re inglese a ricevere questo titolo.

La scelta di Re Alfredo per questo nuovo episodio di Assassin’s Creed, come abbiamo intuito è stata una scelta furba , hanno scelto l’unico Re che abbia sconfitto la Popolazione Normanna Danese ed inoltre hanno scelto un antagonista che è più uno stratega che un grande guerriero.

L’abbiamo visto anche in Origins, il quale è stato un reboot graduale del Franchise.

Hanno scelto il periodo migliore dove andare a creare una storia che non rispecchi la realtà dei fatti ed inoltre giustifichi anche una sfida anche perché questo sovrano stratega per il suo modo di agire darà sicuramente molti spunto in ambito gameplay agli sviluppatori, inoltre Re Alfredo è l’unico Re nella storia della dominazione Normanna nel mondo che ha dato per davvero “filo da torcere” a questa grande popolazione.


PER ALTRI APPROFONDIMENTI
Per non perdervi ulteriori approfondimenti, seguiteci su Facebook, Twitch e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook  o Telegram!

Condividi

Di Giuseppe Zetta

Il mio pseudonimo è Giuseppe Zetta aka Zell Ho la passione per l’informatica, nata all’età di 6 anni, quando ho avuto a che fare per la prima volta con un Commodore64, appassionato di Intelligenza Artificiale, Sviluppo di Videogiochi e Tecnologie OpenSource. Porto avanti progetti informatici personali con i miei amici di vecchia data, ed ho svariate passioni che variano dall’arte del DJ al video editing passando fino alla produzione musicale.