Valorant: 2 Giugno un Lancio Doloroso per Riot Games

Valorant - Cover - Riot Games

A cura di Giuseppe Zetta

Condividi

Il Giorno 2 Giugno è stato reso disponibile per tutti, in free2play, il nuovo Titolo di Riot Games, Valorant. Il quale fino a qualche giorno fa era in beta privata, ma il lancio non è stato dei migliori, le partite sono state funestate a detta dei giocatori da Lag e problemi di stabilità della connessione.

Si sembrerebbe proprio così, il probabile futuro rivale di Overwatch e CounterStrike, sembra avere avuto un pessimo lancio, il modo peggiore per farsi notare in questo mercato saturo di giochi online, il divertimento per i giocatori è durato veramente poco, anzi a dirla tutta non è proprio iniziato, perché le prime partite sono state funestate da problemi derivati dai Server Riot Games.

Valorant Riot Games

Poche ore dopo il lancio Valorant di Riot Games ha smesso i funzionare.

Valorant è in manutenzione? Questo è ciò che i giocatori si sono chiesti a poche ore dal lancio.
I server sembrano avere avuto problemi, quindi qual è lo stato del server di Riot Games?
I server Valorant sono inattivi?

Potresti aver ricevuto un messaggio di errore che informa che il gioco non è riuscito ad accedere se hai provato a giocarlo al lancio. Quindi, il gioco è in manutenzione? Perché è offline? Qual è la ragione? Di seguito abbiamo le risposte.

Perché il giorno del lancio erano offline?
I server Valorant sono stati inattivi per manutenzione nelle regioni di NA, Brasile, UE e LATAM con una manutenzione impostata per durare tra le 16:00 e le 17:00 BST, con l’obiettivo di risolvere vari problemi di instabilità riscontrati durante il lancio.

Il comunicato ufficiale diceva:

“Siamo attualmente in una manutenzione di emergenza per l’UE per far fronte all’instabilità che stavano vedendo in precedenza. Speriamo di risolverlo entro un’ora”.

“I server VAL-EU sono tornati! Sembra esser tutto Risolto” Potete accedervi da questo link 

Valorant Riot Games Pisellone

Le mappe attualmente giocabili sono quattro:

  • Bind: due punti, nessun centro. Cosa scegli tra destra e sinistra? Entrambe offrono percorsi diretti per gli attaccanti e una coppia di teletrasporti monodirezionali che rendono più semplice colpire ai fianchi.
  • Haven: le pendici di un monastero dimenticato rimbombano mentre agenti rivali si scontrano per il controllo di tre zone. C’è più territorio da tenere sott’occhio, ma i difensori possono sfruttare lo spazio extra per avanzare in modo aggressivo.
  • Split: se vuoi andare lontano, devi guardare in alto. Una coppia di zone separate da una parte centrale sopraelevata su cui muoversi rapidamente grazie a due corde di ascesa. In ogni zona è presente una torre, fondamentale per mantenere il controllo: osserva la situazione dall’alto prima che tutto salti in aria.
  • Ascent:  è formata da due zone divise da un campo aperto per piccoli combattimenti di posizionamento e attrito. Ciascuna zona può essere fortificata con porte tagliafuoco, che, una volta abbassate, non potranno più essere aperte; dovrai distruggerle o trovare un’altra strada. Cerca di concedere meno terreno possibile agli avversari.

Per quanto riguarda l’arsenale a tua disposizione, esso è attualmente composto da 18 armi, suddivise in: armi da mischia, mitragliatrici, fucili da cecchino, fucili, fucili a pompa, smg e armi secondarie.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Giuseppe Zetta

Il mio pseudonimo è Giuseppe Zetta aka Zell Ho la passione per l’informatica, nata all’età di 6 anni, quando ho avuto a che fare per la prima volta con un Commodore64, appassionato di Intelligenza Artificiale, Sviluppo di Videogiochi e Tecnologie OpenSource. Porto avanti progetti informatici personali con i miei amici di vecchia data, ed ho svariate passioni che variano dall’arte del DJ al video editing passando fino alla produzione musicale.