Non Studio: Startup italiana che ha inventato i Serious Game

Non Studio: Startup italiana che ha inventato i Serious Game 1

Serious Game Videogiochi in equilibrio tra apprendimento e divertimento a detta di Non Studio

Se ti piace l'articolo di Giuseppe Zetta faglielo sapere con una donazione

Programmano videogiochi “intelligenti”, che rendono inclusivo, divertente e dinamico l’apprendimento scolastico. La nuova cooperativa nata dal bando Coopstartup Romagna che sviluppa e distribuisce cosiddetti “serious games”, sono i tre giovanissimi i soci fondatori di Non Studio, obbiettivi di tali videogiochi e insegnare nozioni, divertendo, concettualmente non diversa dalla realtà che abbiamo affrontato alcuni articoli fa, nata in seno all’Università di Sassari come non citare anche i videogiochi creati dall‘Istituto Scientifico di Montesilvano.

I soci fondatori della cooperativa sono tre. Samuele Bertani, 21 anni, studente di Ingegneria e scienza informatica a Cesena, Lorenzo Bartolini, 21 anni, studente di Ingegneria e scienza informatica a Cesena, Jacopo Foschi, 23 anni, studente al conservatorio di Cesena.

Non Studio: Startup italiana che ha inventato i Serious Game 2
Team di Non studio dietro i Serious Game

I lavori della cooperativa sono visibili sul sito www.nonstudio.org.

NonStudio progetta, sviluppa e distribuisce serious game che rendono inclusivo, divertente e dinamico l’apprendimento. Supportiamo la crescita di ragazze e ragazzi, al fianco di genitori ed insegnanti, con esperienze formative ingaggianti e memorabili, grazie ad un metodo scientifico e collaudato sviluppato in anni di ricerca.

Si legge nel sito

Al Seguente link poteve provare alcuni dei giochi didattici ideati dai ragazzi, I videogiochi sono sviluppati sapientemente al fine di potere esser riprodotti ovunque, PC, Smartphone e Tablet, dispositivi ormai di comune utilizzo tra i giovani, sfruttando a piene le potenzialità del motore di Gioco Unity.

Serious game di non studio
West Multiplaction Screen

Cosa sono I Serious Game ?

I Ragazzi di Non Studio hanno coniato un nuovo termine per la tipologia di videogiochi da loro proposta, i Serious Game.

I serious game – letteralmente “giochi seri” – sono simulazioni virtuali interattive dotate di un obiettivo ben strutturato in cui gli aspetti seri e quelli ludici si trovano in equilibrio.

I Serious game sono un nuovo modo di fare scuola, poiché propongono e realizzano un metodo innovativo di insegnamento e di apprendimento in riferimento sia ai contenuti curriculari sia alle «abilità per la vita».

Essi promuovono a pieno diritto l’ingresso nella scuola del mondo del digitale non solo a fini informativi (la classica ricerca su internet) e comunicativi (la diffusione di notizie concernenti la propria sede scolastica) ma soprattutto a fini formativi.

Idea molto interessante sopratutto per il periodo storico che stiamo vivendo, dove ci siamo visti costretti a far studiare i nostri figli da casa e attraverso un Pc.

In particolare, i Serious Games sono improntati a un’attività educativa centrata sull’allievo più che sul docente. Lo studente diventa protagonista attivo nel processo di apprendimento e di formazione, poiché nella realizzazione di un Serious Game si trova a dover svolgere (da solo o in piccolo gruppo con alcuni compagni) i compiti e a superare gli ostacoli di volta in volta proposti. Tale attivazione, che implica altresì un forte coinvolgimento emotivo, favorisce in modo rilevante i processi di apprendimento e di ritenzione mnemonica.

Con i Serious Games siamo quindi in presenza di una mente «produttiva» anziché semplicemente «riproduttiva».


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Il mio pseudonimo è Giuseppe Zetta aka Zell
Ho la passione per l’informatica, nata all’età di 6 anni, quando ho avuto a che fare per la prima volta con un Commodore64, appassionato di Intelligenza Artificiale, Sviluppo di Videogiochi e Tecnologie OpenSource. Porto avanti progetti informatici personali con i miei amici di vecchia data, ed ho svariate passioni che variano dall’arte del DJ al video editing passando fino alla produzione musicale.

Se ti piace l'articolo di Giuseppe Zetta faglielo sapere con una donazione