Il countdown di Abandoned cela un segreto

Abandoned

A cura di Luca Maiolini

Condividi

In seguito ad un errore di mala interpretazione del codice morse, ho provveduto ad aggiornare l’articolo.

Oggi sarebbe dovuto essere il giorno fatidico. Il giorno in cui, finalmente, il web avrebbe avuto una conferma su chi vi sarebbe dietro a Blue Box Game Studios — come se ve ne fosse realmente il bisogno.

Dopo un countdown durato circa 15 ore, al termine del quale sarebbe dovuta andare online l’applicazione per PlayStation 5, con lo scopo di svelare alcuni dettagli di Abandoned, il CEO dello studio Hasan Kahraman, ha pubblicato su Twitter un nuovo video che… Non vi farà piacere.

Mentre Kahraman annuncia, di nuovo, il rinvio del reveal e della suddetta applicazione per il prossimo Agosto, all’interno della live, dove prima era presente il countdown, fino a poco fa era presente un codice morse particolare:

Blue: Find the source.

Red: Reality bends to my will but my mind is delusional.

Blue: I can’t trust you, if you cant trust your mind so fin the source.

Red: Shall I remind you who i am?

Blue: Shall I remind you whant i can do? I think they spot, me spot playing me and find the source.

Red: I can’t get hold of you so I assume you got made time to seperate.

Blue: Byebye for now Red.

Tratto dalla diretta di Blue Box Game Studios, fonte: Reddit

Ora la Live è stata rinominata in Abandoned -ACT I – BYE FOR NOW RED ✔ e la parte relativa al codice morse è stata rimossa.


Secondo voi, il messaggio cosa potrebbe significare? Nel nostro gruppo Telegram è nato un piccolo dibattito, dove il nostro Boss — e non solo lui — sta pensando ad un possibile collegamento con Silent Hill 2, dal momento che la serie è protagonista di numerosi voci dall’inizio dell’anno, che vogliono Konami e Sony, a capo di uno studio, per ridar vita alla serie.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Luca Maiolini

Gli FPS a stampo militare erano il mio pane quotidiano e gli RTS facevano da contorno, Brothers in Arms ed Imperivm erano il mio chiodo fisso. Poi, venne il giorno in cui abbracciai PlayStation 3 e mi collegai alla rete, così una valanga di videogiochi mi piombarono addosso! Ad oggi mi ritrovo a giocare un po' di tutto, dai titoli Platinumgames fino ai JRPG di casa Square Enix.