IIDEA: censimento degli sviluppatori italiani

IIDEA

A cura di Luca Maiolini

Per scoprire come l’industria videoludica italiana si sia evoluta nel corso del tempo, IIDEA (Italian Interactive Digital Entertainment Association) sta chiedendo agli sviluppatori italiani di prender parte ad un censimento. All’interno del comunicato, la società fa sapere che ha stretto una partnership con IDG Consulting “con lo scopo di fornire un quadro completo sulle potenzialità offerte dal made in Italy dei videogiochi”.

La rilevazione è indirizzata alle imprese, alle ditte individuali e ai liberi professionisti ed è pensata per dipingere un nuovo e aggiornato affresco sull’industria videoludica nazionale e raccontare l’evoluzione degli studi di sviluppo di videogiochi italiani e i trend che attualmente caratterizzano il settore. Termine ultimo per partecipare, domenica 28 marzo 2021.

Comunicato IIDEA

Di seguito, il post relativo all’iniziativa pubblicato sulla loro pagina Facebook:

Dunque, se sei uno sviluppatore e vuoi aiutare IIDEA, puoi farlo cliccando qui.

Cos’è IIDEA, a grandi linee

IIDEA è stata fondata nel 2000, al tempo i suoi soci erano per lo più delle multinazionali con sede in Italia. Dal 2011 ha iniziato ad accettare anche le imprese italiane del settore, data la rosea crescita. Nel 2019, ha aperto le porte anche al settore esports, accogliendo soci ed organizzatori.

La società si occupa di: rilasciare rapporti annuali riguardanti il mercato del settore videoludico ed eseguire rilevazioni periodiche (tramite i censimenti, per l’appunto); promuovere la divulgazione tramite eventi e varie iniziative, ma anche l’uso consapevole dei videogiochi “come forma d’intrattenimento e strumento di crescita”; lavorare a stretto contatto con le istituzioni pubbliche e creare un ecosistema sostenibile per lo sviluppo del business delle start-up.

Tutte le relative informazioni, le potete trovare sul sito uffciale, oppure potete andare nelle relative pagine tramite i seguenti link:


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

Di Luca Maiolini

Gli FPS a stampo militare erano il mio pane quotidiano e gli RTS facevano da contorno, Brothers in Arms ed Imperivm erano il mio chiodo fisso. Poi, venne il giorno in cui abbracciai PlayStation 3 e mi collegai alla rete, così una valanga di videogiochi mi piombarono addosso! Ad oggi mi ritrovo a giocare un po' di tutto, dai titoli Platinumgames fino ai JRPG di casa Square Enix.