Hideo Kojima sarà uno dei giurati alla Mostra del Cinema di Venezia 2020

Hideo Kojima sarà uno dei giurati alla Mostra del Cinema di Venezia 2020 1

A cura di Davide Vitanza

Condividi

Attraverso il sito ufficiale della Biennale di Venezia sono stati resi noti i nomi dei giuristi che saranno presenti alla Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia, che si terrà dal 2 al 12 settembre 2020. Tra quelli che compongono la categoria Venice Virtual Reality, che si occupa di premiare le opere in realtà virtuale, è presente anche un volto molto conosciuto a noi videogiocatori, ossia Hideo Kojima.

Kojima

Il papà di Metal Gear Solid e Death Stranding, quest’ultimo uscito anche su PC lo scorso 14 luglio e di cui abbiamo scritto la recensione, sarà dunque uno dei giuristi che affiancherà Celine Tricart, regista e sceneggiatrice esperta di realtà virtuale e 3D, e Asif Kapadia, regista del film documentario Amy col quale ha vinto anche l’Oscar.

Non è arrivata alcuna notizia da parte di Kojima, tranne il retweet dell’annuncio su Twitter. Il game designer è da sempre riconosciuto come uno dei migliori nel suo genere, e viene spesso definito un visionario per ciò che ha introdotto nel mondo dei videogiochi, soprattutto nella sua ultima fatica. Oltre di videogiochi, però, Kojima è appassionato anche di cinema, e lo dimostra quasi ogni giorno sulla sua pagina Instagram. Questa sua passione la si riscontra anche nelle sue opere, che vengono spesso paragonate ai film per regia e fotografia, oltre che per citazioni e l’uso di attori in carne e ossa a fare da prestavolto.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.