Ni No Kuni Remastered e le autocombustioni 1

Ni No Kuni Remastered e le autocombustioni

Ciao ragazzi, oggi andremo a trattare un titolo che mi ha deluso parecchio, perché nonostante dietro ci sia una casa come lo studio Ghibli, che a detta di molti sembra girare tutto intorno a questo, mi è sembrato di giocare a uno dei giochi più noiosi degl’ultimi 20 anni… e non scherzo.

Ni No Kuni Remastered
Ni No Kuni Remastered

L’inizio della fine

Ni No Kuni Remastered e le autocombustioni 2
Lucciconio

Ho provato Ni No Kuni nel 2011 su Playstation 3, incuriosito dal fatto che ci avesse appunto lavorato anche lo studio Ghibli, visto che non si parlava d’altro, in più ero felice perché lo avevo trovato al prezzo irrisorio di 9,99€ in una famosa catena di videogame di cui non farò nome. Una volta arrivato a casa, inserisco il gioco nella console, aspetto che si istalla e faccio partire il titolo, che nonostante qualche piccolo difettuccio (che poi si evolverà), ammetto che inizia a piacermi, finché non arriva Lucciconio e il suo finto romano, talmente fastidioso da farmi abbandonare il titolo. Ora non vogliatemene, ma una cosa che ho sempre odiato nei videogiochi e nei film è il doppiaggio in dialetto, ma qui si sono superati, perché questa volta ci sono i sottotitoli e danno ulteriormente fastidio, soprattutto con personaggi che non hanno il motivo di parlare così. In più, confermato da amici, alcune parole non esistono nel vocabolario romano, sono inventate di sana pianta. Talmente fu la mia rabbia, che portai indietro il gioco dal venditore, promettendomi di non comprarlo mai più, finché…

Sei anni dopo, da quel tentativo

Durante il lockdown, mi scrive un mio amico, chiedendomi consiglio riguardo un gioco carino per ps4 e logicamente i primi a venirmi in mente furono Dragon Quest XI, titolo che ho apprezzato molto, e il mio jrpg preferito Persona 5 Royal. Non convinto di Persona 5 Royal, decide di guardare qualcosa di diverso e viene alla scoperta di Ni No Kuni Remastered, rimanendo affascinato dalla trama e dai disegni, ma nonostante i miei continui disaccordi, decide di comprarlo e stranamente se ne innamora, tanto da convincermi a ricomprarlo come un povero fesso che si era ripromesso di non volerne sapere più. In quel periodo stavo ancora finendo Persona 5 Royal, per poi poter iniziare Final Fantasy 7 Remake, quindi nel frattempo decisi di vedere il film che si trovava su Netflix e vi dirò la verità, l’ho guardato con molto piacere, ma nella mia mente la paura di incontrare di nuovo un personaggio come quel piccolo bastardo di Lucciconio nel videogame era tanta, più o meno la stessa che hanno gli americani riguardo i Clown.

Lucciconio è solo la punta dell’iceberg

Ni No Kuni Remastered e le autocombustioni 3
Ni No Kuni Remastered

Tralasciamo il fatto, come già detto più volte, che sia un gioco in collaborazione con lo studio Ghibli e che se si cercasse su internet qualsiasi informazione su questo titolo sembra che sia la cosa più importante, finalmente finisco Final Fantasy 7 Remake e mi decido a giocare dopo anni Ni No Kuni Remastered e vi giuro ho cercato in tutti modi di portarlo a termine, ma non ci sono riuscito. Ni No Kuni remastered purtroppo è un titolo che si è concentrato troppo sulla collaborazione e non sul gameplay, creando una favola che per alcuni potrà essere bellissima, ma che purtroppo si evolve molto lentamente fino lo sfinimento in molte occasioni, in più il gameplay è uno dei peggiori degli ultimi anni, con idee riciclate da titoli più conosciuti come Pokemon… ma riciclate male. Più ci giocavo e più mi chiedevo come fosse possibile che in molti elogiassero questo titolo, nonostante i suoi evidenti difetti, finchè sono arrivato alla conclusione “non è che basta il nome dello studio Ghibli per rendere un qualcosa puro oro?”, vi lascio a voi con questo interrogativo e con la domanda “Ma a voi piaciuto Ni No kuni Remastered?”

Un saluto dal vostro Lir90


Ni No Kuni Remastered e le autocombustioni 4
Link acquisto versione Ps4

Ni No Kuni Remastered è disponibile su PlayStation 4, Nintendo Switch e PC.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!