eFootball PES 2021 sarà un aggiornamento, novità anche per PES 2022

eFootball 2021

A cura di Davide Vitanza

Condividi

Konami ha annunciato sul sito ufficiale del gioco delle novità per quanto riguarda la serie Pro Evolution Soccer, denominata dall’ultimo capitolo eFootball PES, simulazione calcistica e diretta concorrente di FIFA.

Ogni anno i due titoli sono sempre usciti quasi in contemporanea, ma dalla prossima edizione di PES, Konami ha deciso di cambiare le carte in tavola, difatti non uscirà un nuovo capitolo bensì un aggiornamento a pagamento che apporterà delle modifiche come: nuove rose delle squadre, l’assenza di Milan e Inter (delle quali sono scadute le licenze) e vari miglioramenti.

PES 2021 sotto forma di dlc, ma perché?

La decisione di rilasciare un aggiornamento invece che il gioco completo, scelta apprezzata e molto attesa dai fan che si lamentano ogni anno dei quasi assenti miglioramenti (soprattutto per FIFA, n.d.r.), è dovuto principalmente al lavoro svolto da Konami per le nuove console. Per stare al passo con la nuova generazione, la casa giapponese ha deciso di focalizzarsi sui successivi capitoli, avvalendosi inoltre del motore grafico Unreal Engine con il quale sarà possibile ottenere dettagli grafici ancora più realistici.

PES 2021

Per quanto riguarda le date di uscita del DLC prima e di PES 2022 poi, non ci è dato sapere ancora nulla. Probabilmente l’espansione verrà rilasciata a settembre, e così potrebbe essere anche per il capitolo successivo, ovviamente nel 2021 per le future PlayStation 5 e Xbox Series X – senza dimenticare il mercato PC.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

PER ALTRE NOTIZIE

Condividi

Di Davide Vitanza

Appassionato dai videogiochi sin da piccolo, sono cresciuto con Zelda e Pokemon, passando da Resident Evil a Medievil a Prince of Persia. Il DS è la console che mi ha segnato drasticamente, facendomi amare sempre di più i videogiochi. Oggi gioco la qualunque, dai Tripla A agli Indie, e apprezzo il gioco non solo in quanto fonte di divertimento ma anche in quanto forma d’arte, perché alla fine è questo che oggigiorno rappresenta.