Command and Conquer e i suoi vecchi video sui nastri Anni 90’s

Command and Conquer e i suoi vecchi video sui nastri Anni 90's 1

EA è andata a scavare tra vecchi nastri degli anni ’90 cercando di rimasterizzare Command and Conquers Red alert.

Il team dietro l’imminente remastered collection di Command & Conquer ha pubblicato un video che riguarda in parte il processo dietro la pulizia delle scene originali del 1995. Per lo più, tuttavia, è uno sguardo affascinante all’interno degli archivi di un sacco di vecchi nastri polverosi che sono pieni della storia dei videogiochi.

Command and Conquer

Dopo varie EA ha scoperto che nel profondo dei loro archivi c’erano cassetti  pieni dei nastri originali su cui erano state girate le scene di Command & Conquer (e Red Alert), il che significava che pensavano di avere accesso a video di qualità molto superiore a quelli disponibili dai giochi stessi, pensando all’idea che il nastro fosse superiore al campionamento digitale.

Dopo aver trovato l’unico venditore sull’intera costa occidentale degli Stati Uniti in grado di digitalizzare il vecchio e strano formato di nastro Sony che Westwood aveva usato in quel momento, EA ha recuperato un disco rigido con tutto quello che c’era sui nastri per scoprire che erano le stesse registrazioni compresse finite nel gioco , non le registrazioni originali. In effetti, grazie alla decomposizione dei supporti fisici, sembravano anche peggio dei video che tutti noi abbiamo visto sui nostri drive CD-ROM durante le nostre partite a Command and Conquer Red Alert.

Il lavoro è stato tutto vano

Ciò significava che EA ha dovuto ricorrere all’upscaling dei video esistenti, quindi lavorando a fianco dei membri della community di C&C (che avevano già fatto cose del genere per divertimento), hanno creato un algoritmo di upscaling  per rendere i video degli anni ’90 un po ‘più presentabili per il 2020, aiutato dal fatto che potevano usare i video mpeg dalle versioni console dei giochi, dal momento che si erano ingranditi meglio dello strano formato originale del PC.

È una bella storia, ed è esattamente il tipo di cose che le persone interessate alle rimasterizzazioni dei classici amano vedere. Non ho potuto fare a meno di sentirmi un po ‘triste, però, per il fatto che EA ha dovuto scoprire tutti quei nastri in primo luogo. È un meme a questo punto, ma il ritmo con cui EA ha acquistato e poi chiuso lentamente i vari studios, diventando un punto dolente del lavoro di EA e vedere tutto quel materiale Westwood sorprendente e storicamente significativo rimanere abbandonato nei magazzini EA a prender polvere è alquanto triste

Inoltre mi chiedo cos’altro sia sepolto negli archivi di EA, raccogliendo polvere e decadimento, che una volta apparteneva a studi come Origin o Bullfrog, inoltre sta diventando un abitudine ricorrere ai fan per avere uno supporto riguardo lo sviluppo dei titoli.

Voi acquisterete command and conquer red alert remaster oppure rimarrete affezionati al titolo originale del brand uscito ormai un po’ ovunque e gratis su orgin?

Giusto per soffrire  di più , di seguito il making of dei famosi FMV in questione, vendendo la qualità di questi video, diciamo che sto rimpiangendo per davvero il fatto che siano stati perduti per sempre, Tanya niente 4K HDR per te.

Ci Faremo Bastare Lt. Eva McKenna, Natasha Volkova e Dasha Fedorovich la mia preferita forse anche le uniche cose migliori di quel Red Alert 3, nonché ultimo capitolo ufficiale della serie da noi amata.

 

PER ALTRE NOTIZIE CLICCA QUI

 

 

Il mio pseudonimo è Giuseppe Zetta aka Zell
Ho la passione per l’informatica, nata all’età di 6 anni, quando ho avuto a che fare per la prima volta con un Commodore64, appassionato di Intelligenza Artificiale, Sviluppo di Videogiochi e Tecnologie OpenSource. Porto avanti progetti informatici personali con i miei amici di vecchia data, ed ho svariate passioni che variano dall’arte del DJ al video editing passando fino alla produzione musicale.