Codemasters: cambio di piani, EA si fa avanti

Codemasters Logo EA

A cura di Luca Maiolini

Poco più di un mese fa, ero qui a riportare una notizia: Codemasters acquisita da Take-Two, azienda a capo di Rockstar Games, oggi son qui a causa di un cambio di piani.

Electronic Arts ha deciso di inserirsi nella transazione tra Codemasters e Take-Two, proponendo all’azienda specializzata in titoli automobilistici una somma approssimativa di ben 1.2 miliardi di dollari.

Le dichiarazioni di Codemasters e EA

Grazie a Gamesindustry.com abbiamo la possibilità di venire a conoscenza di alcune dichiarazioni da parte di Gerhard Florin, presidente di Codemasters, e Andrew Wilson, CEO di EA.

Abbiamo un’ambizione condivisa nel guidare la categoria dei titoli di corse dei videogiochi.
Riteniamo che, questa unione, fornirebbe un futuro eccitante e prospero per Codemasters, consentendo ai nostri team di creare, lanciare e fornire giochi più grandi e migliori ad un pubblico estremamente appassionato.

Gerhard Florin, presidente di Codemasters

Il nostro settore sta crescendo, così come la categoria dei titoli di corse e insieme potremo guidare l’intrattenimento “da corsa” verso una nuova era.
Con la totale influenza della tecnologia di EA, dell’esperienza della piattaforma e della portata globale, questa combinazione ci consentirà di far crescere i nostri franchise esistenti e offrire più esperienze “di corsa”, che definiscono il settore, alla fan base globale.

Andrew Wilson, CEO di EA

Cosa comporta l’accordo (in breve)

Con questo accordo, proprio come quello precedente, tutte le IP (dalla serie dedicata a Formula 1 fino ad arrivare ai DiRT e Project Cars) pubblicate da Codemasters apparterranno ad Electronic Arts, aggiungendosi ad un parco titoli che vedeva protagonisti Need for Speed e, il semi-scomparso, Burnout (da far presente che lo studio Criterion Games risiede in Inghilterra, chissà cosa potranno fare questi due team se collaborassero! – n.d.r.).
Il team di sviluppo assieme al CEO Frank Sagnier ed il CFO Rashid Varachia, conserveranno i propri posti.


Per non perdervi ulteriori sviluppi, seguiteci su Facebook e Twitter, oppure entrate a far parte del nostro gruppo Facebook o Telegram!

Di Luca Maiolini

Gli FPS a stampo militare erano il mio pane quotidiano e gli RTS facevano da contorno, Brothers in Arms ed Imperivm erano il mio chiodo fisso. Poi, venne il giorno in cui abbracciai PlayStation 3 e mi collegai alla rete, così una valanga di videogiochi mi piombarono addosso! Ad oggi mi ritrovo a giocare un po' di tutto, dai titoli Platinumgames fino ai JRPG di casa Square Enix.